Frosinone-Inter, 0-1: ciociari sfortunati, Icardi va a quota 50 reti

L’Inter di Roberto Mancini batte il Frosinone e si porta momentaneamente a -5 dalla Roma e dal terzo posto in classifica.

Mauro Icardi (Fonte: inter.it)
Mauro Icardi (Fonte: inter.it)

La rete di Mauro Icardi ha sbloccato un match non facilissimo per i nerazzurri che, allo stadio “Matusa”, hanno imposto il loro gioco durante i primi 45 minuti, ma hanno sofferto, rischiando anche qualcosa, nel secondo tempo.

All’avvio della prima frazione di gioco i nerazzurri avanzano in attacco, sfruttando la fascia sinistra con il bel fraseggio tra Telles e Perisic, che si rendono pericolosi con le loro azioni veloci. Il Frosinone attende nella propria metà campo, non rischia nulla e annienta le incursioni dei nerazzurri. Telles è autore di una bella prestazione e mette il pallone sul secondo palo, purtroppo Icardi non riesce ad intercettarla alla perfezione e si lascia sfuggire un’occasione ghiotta; Jovetic, che vuole dare dimostrazione di meritare il posto titolare, crossa per Biabiany, ma il francese la mette a lato.  A questo punto i ciociari si trovano in difficoltà, non riescono a venir fuori e l’Inter ne approfitta per prendere le redini della gara in mano. Durante il secondo tempo il Frosinone scende in campo con una mentalità diversa, crede nella vittoria e vuole a tutti i costi i 3 punti. I tre pali di Blanchard, Paganini e Pavlovic sono la dimostrazione di quanto la squadra ci abbia provato ed anche di quanto sia stata sfortunata. Il match diventa più confuso, entrambe le formazioni non vogliono mollare, ma i padroni di casa pare ci stiano provando con più decisione. Nel momento in cui l’Inter soffre maggiormente e subisce il gioco degli avversari, al 74′ Mauro Icardi segna il suo gol numero 50, alla sua 100esima presenza con la maglia nerazzurra: assist del solito Perisic e gol del capitano. La rete taglia le gambe al Frosinone che negli ultimi minuti deve anche fare a meno di Blanchard, espulso per doppio giallo. Il Frosinone, con quest’ulteriore batosta, non riesce a smuoversi dalla penultima posizione in classifica e dalla zona retrocessione, nonostante non abbia molto da rimproverarsi per quest’amara sconfitta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *