Premier League, 20° turno: Arsenal solo in vetta, frena il Leicester, Rooney di tacco salva Van Gaal

Nel primo turno di Premier League del 2016 l’Arsenal di Arsene Wenger si prende la vetta solitaria della classifica, grazie al successo ottenuto in casa per 1-0 contro il Newcastle ed al contemporaneo pareggio per 0-0 del Leicester City al King Power Stadium con il Bournemouth.

Wayne Rooney (fonte: Gordon Flood, Flickr.com)
Wayne Rooney (fonte: Gordon Flood, Flickr.com)

All’Emirates i Gunners soffrono più del previsto, specialmente nel primo tempo, al cospetto di un Newcastle ben messo in campo e molto attento in fase difensiva. Ma nella ripresa è Laurent Koscielny al minuto 72 a dare il successo e la testa della classifica al club londinese, girando in rete in mischia sugli sviluppi di un corner. Perde il passo, invece, il Leicester di Claudio Ranieri bloccato in casa dal Bournemouth, con i padroni di casa a secco di reti in Premier League da ben tre gare consecutive. Foxes frenati dal palo colpito da Vardy nel primo tempo, ma soprattutto dal rigore parato da Artur Boruc a Mahrez allo scoccare dell’ora di gioco.

Torna alla vittoria il Manchester United che ad Old Trafford batte per 2-1 lo Swansea, ridando così fiato e respiro alla posizione in panchina di Louis Van Gaal. Red Devils avanti ad inizio ripresa con Martial, pareggio di Sigurdsson per i gallesi, goal-vittoria dei padroni di casa firmato Wayne Rooney con un gioiello di tacco da applausi a scena aperta. Rete che permette all’attaccante inglese (a secco dallo scorso ottobre) di divenire il secondo miglior marcatore assoluto nella storia della Premier League con 188 goal (superato Andy Cole).

Completano il ventesimo turno i successi per 1-0 del Norwich sul Southampton (Tettey ad un quarto d’ora dal termine), del West Bromwich Albion per 2-1 con lo Stoke City (Sessegnon ed Evans per i Baggies, momentaneo pareggio ospite di Walters) e quello del Sunderland 3-1 nello scontro salvezza contro l’Aston Villa (Van Aanholt e doppietta di Jermain Defoe per i Black Cats, Gil per i Villains).

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *