Premier League, 7° turno: poker del Tottenham con il Man City

Nel lunch match della settima giornata di Premier League il Tottenham di Mauricio Pochettino schianta nettamente per 4-1 il Manchester City di Manuel Pellegrini, centrando così una vittoria importante dopo un avvio di stagione balbettante.

Harry Kane (Fonte: Catherine Kõrtsmik, Wikipedia.org)
Harry Kane (Fonte: Catherine Kõrtsmik, Wikipedia.org)

PRIMO TEMPO – Pellegrini ruota gli uomini a propria disposizione e sorpresa schiera fra i pali Willy Caballero al posto del titolare Joe Hart, mentre in mezzo al campo a comporre la cerniera mediana ci sono Fernando e Fernandinho, con il conseguente spostamento di Yaya Touré nel trio di fantasisti alle spalle dell’unica punta Sergio Aguero. Nel Tottenham mister Pochettino sceglie Dier e Alli in mezzo al campo, mentre conferma Son insieme ad Eriksen e Lamela alle spalle di Harry Kane. Fin dalle prime battute il ritmo di gioco è come al solito gradevole, con entrambe le squadra che provano ad impostare l’azione palleggiando corto, con fraseggi e scambi corti. È comunque il Manchester City a farsi preferire in avvio, con gli ospiti che al 25° trovano la rete del vantaggio: rapido capovolgimento di fronte con Yaya Touré che serve De Bruyne (in leggera posizione di off-side), il cui destro trafigge Lloris per lo 0-1. Terzo goal in Premier League in altrettante presenze da titolare per l’ex fantasista del Wolfsburg e City che pochi minuti più avanti sfiora addirittura il bis, ma la conclusione di Sterling viene respinta in corner da un buon intervento di Lloris. Colpito nell’orgoglio il Tottenham piano piano si sveglia e alla mezz’ora si affaccia dalle parti di Caballero con Kane, il cui diagonale in contropiede termina di poco a lato. La partita vive di folate, ed il finale di tempo diventa vibrante e divertente, con gli Spurs che attaccano a caccia del pari e ancora una volta a provarci è Kane, ma Caballero respinge in corner il sinistro del numero 10 di casa. Gli sforzi del Tottenham vengono però premiati proprio al minuto 44, quando arriva il goal dell’1-1: azione che si sviluppa sulla destra, cross in area di Walker (partito in posizione irregolare) per Son che colpisce trovando l’opposizione di Caballero, rinvio sbilenco di De Bruyne e sfera che arriva a Dier il cui rasoterra dai trenta metri bacia il palo e si insacca in porta, portando le squadre al riposo in piena parità.

SECONDO TEMPOLa ripresa si apre con gli stessi ventidue della prima frazione in campo e con il Tottenham che sposta subito l’ago della bilancia della sfida in proprio favore già al minuto 50: punizione di Lamela dalla destra, Caballero esce malissimo e Alderweireld di testa spizza in porta trovando il goal del 2-1. Secondo goal in Premier League con la maglia degli Spurs per il centrale belga e punteggio ribaltato completamente. La formazione di Pellegrini accusa così il colpo, incapace di imbastire una reazione seria e perentoria per trovare il pareggio, complice forse anche l’uscita dal campo di Yaya Touré, sostituito da un impalpabile Jesus Navas. Anzi all’ora di gioco il Tottenham mette la parola fine sul match, trovando la rete del 3-1: punizione al bacio di Eriksen che si stampa direttamente sull’incrocio dei pali, sulla respinta il più lesto è Harry Kane (partito in leggero fuorigioco) che insacca di destro il suo primo goal stagionale in Premier League, sbloccandosi così in uno dei momenti più importanti e decisivi della stagione per gli Spurs. Preso il terzo goal, il City sbanda completamente, uscendo di fatto fuori dal gioco con ampio anticipo, lasciando campo agli uomini in maglia bianca che prima si vedono annullare il poker per un off-side di Son e poi trovano il punto del 4-1 al minuto 79: è Erik Lamela a mettere la ciliegina sulla torta alla sfida, sfruttando un assist del neo entrato Njie, insaccando in area dopo aver aggirato Demichelis e Caballero.

Seconda sconfitta consecutiva in Premier League, dunque, per il Manchester City che resta a 15 punti in classifica, subendo nuovamente goal dopo che nelle prime cinque sfide di campionato la porta dei Citizens era rimasta immacolata. Per il Tottenham, invece, grande vittoria dopo una prestazione di testa, grinta e intensità, con gli Spurs di Pochettino che volano a 12 punti, centrando la terza vittoria consecutiva nelle ultime gare di Premier League.

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *