Copa America: Messico-Bolivia chiude il primo turno del Gruppo A

Dopo il successo di questa notte del Cile nella gara inaugurale è il turno di Messico e Bolivia, che questa sera a Viña del Mar tenteranno l’immediato aggancio alla Roja in vetta al proprio raggruppamento.

Fonte: Tirado.fj - 2013 CONCACAF Gold Cup Previously published: www.fernandotirado.com
Fonte: Tirado.fj – 2013 CONCACAF Gold Cup Previously published: www.fernandotirado.com

Due filosofia calcistiche diverse ma estremamente legate alla propria terra: il Messico del piojo Herrera arriva in Cile con una formazione giovane per risparmiare i migliori elementi in vista della Gold Cup, torneo continentale di riferimento per il Tri, ma mantiene il DNA e l’organizzazione della squadra che ha sorpreso nell’ultimo Mondiale. Spazio al consueto 5-3-2 dove l’eterno Rafa Marquez, nella fase più critica della sua carriera, sarà l’unico giocatore di reale esperienza; le sorti tecniche della squadra sono affidate al Tecatito Corona, mezz’ala tecnica del Twente classe ’93 dalle mille risorse tecniche capace di cambiare il volto della squadra.

Il movimento calcistico messicano è in forte crescita il campionato nazionale continua a sfornare talenti interessanti e club sempre più competitivi: a questa edizione della Copa America parteciperanno ragazzi di prospettiva come Raul Jimenez, oro olimpico ai giochi di Londra e futuro bomber dell’Atletico Madrid che lo ha prelevato l’estate scorsa dal Club America e che gli ha concesso già 22 presenze in colchonero.

Dall’altra parte però c’è la Bolivia, squadra sui generis per eccellenza. Tre allenatori cambiati negli ultimi 12 mesi e tantissimi punti interrogativi per una nazionale che lontano da La Paz ha sempre incontrato difficoltà. La storia del fútbol de altura è tanto affascinante quanto enigmatica perché è vero che la Verde ai 3600 metri dell’Hernando Siles non sbaglia quasi mai ma è altrettanto misterioso il fatto che ancora non si riescano ad esportare i giocatori boliviani in giro per il mondo.

La squadra affida le sue sorti tecniche ancora ai gol di Marcelo Moreno, già da qualche anno bomber e stella della Verde. Il talento di prospettiva è Gamarra del Milan, designato erede di Pirlo con tanto ancora da dimostrare visto il paragone più improprio che esagerato: probabilmente il ragazzo classe ’98 rossonero non sarà tra i titolari questa sera ma potrebbe ritagliarsi un ruolo da protagonista a Copa America in corso.

I segnali che ha lasciato trasparire la partita inaugurale tra Cile ed Ecuador non sono certo di buon auspicio per Messico e Bolivia che sanno di giocarsi ogni chance di qualificazione (quasi sicuramente con un posto tra le migliori terze) nello scontro diretto di questa sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy