Calciomercato Inter, una difesa da reinventare

Il miglio attacco è la difesa. Una frase che la si sente spesso, così come quella opposta (la miglior difesa è l’attacco) e che può valer poco, in generale, ma non nel calcio o almeno non in Serie A. Infatti, l’ultima grande Inter, quella di Mourinho nel 2010, quella del triplete, fu la migliore del campionato, con sole 34 reti al passivo; in generale, almeno in Italia, dove è raro imbattersi in goleade stile Real Madrid o Barcellona, sono quasi esclusivamente le squadre capaci di blindare la propria porta quelle che alla fine del torneo alzano la coppa. Juventus, Milan e Inter, le uniche detentrici dell’ultimo decennio insegnano questo. In realtà, il discorso può essere ampliato a livello europeo, basti vedere il capolavoro targato Simeone con l’Atletico Madrid, capace di vincere la Liga e conquistare la finale di Champions nel 2014 e mantenendosi a eccellenti livelli anche l’anno successivo. Oppure a livello mondiale, dove Italia, Spagna e Germania hanno conquistato la coppa del mondo subendo gol con i contagocce.

Fonte: inter.it
Fonte: inter.it

Ecco, l’Inter di quest’anno è esattamente il contrario di tutto ciò, incapace di non vedere ogni 90 minuti uno-due palloni raccolti dall’ambito raccattapalle Handanovic, o in qualche occasione da quello con i guanti più viscidi, Carrizo, che nelle rare occasioni in cui non sono costretti a farlo, si ritrovano un sette o otto in pagella. L’Inter, che nell’ultima partita è riuscita a farsi segnare anche dal fanalino di coda Parma e costringere al pareggio interno, vedrà il suo reparto difensivo completamente cambiato entro pochi mesi.

Con la fine del campionato, gli uomini di Mazzarri, i vari Jonathan, Campagnaro, Nagatomo e Dodò, mai visti praticamente in campo con Mancini per motivi differenti, lasceranno tra il certo e il molto probabile i nerazzurri. Il “divino” e l’ex Napoli Campagnaro sono in scadenza e alla dirigenza, l’idea di un rinnovo, suscità ilarità. Nagatomo e Dodò invece rimangono sotto contratto ma saranno ceduti senza grossi rimpianti al primo buon offerente. Possibile anche il sacrifico di Juan Jesus, passato da una stagione in crescita, quella scorsa, a una disastrosa. La Premier la prima possibile tappa. Dovrebbero invece rimanere D’Ambrosio, Ranocchia e Santon. Quest’ultimo, giunto a fine mercato di riparazione, pare l’unico a convincere per un futuro progetto tecnico, mentre le conferme di capitan Ranocchia e D’Ambrosio non sono certo dovute alle garanzie sin ora dimostrate.

Il fatto è che l’Inter ha già consumato grande parte del budget nel mercato di riparazione, quello che ha portato i vari Brozovic, Santon e Shaqiri, oltre al flop Podolski (in prestito) e la difesa dovrà essere rinforzata attraverso un mercato oculato e preciso. Un idea che stuzzica è quella di far emigrare l’attuale coppia difensiva della Dinamo Kiev, Dragovic-Vida, nella sponda nerazzurra del Naviglio. Questo attraverso il sacrificio di un big, su tutti Kovacic. In seconda, aperta la pista Herteaux dell’Udinese. Infine, sempre accesa l’idea Rolando.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy