Inter, ascolta l’ag. Telles: “Lo volevano Psg e Real”

L’Inter si gode la vetta del campionato condivisa con la Fiorentina di Sousa. Gli uomini di Mancini ancora non trovano un gioco brillante, ma continuano a raccimolare 3 punti ad incontro. Il risultato più frequente è l’1-0, ben 6 su 11 partite. La difesa sta diventando una sicurezza grazie anche ai due mastini Medel e Melo, che fanno da guardia sulla linea mediana.

Un'esultanza dell'Inter (fonte: www.inter.it)
Un’esultanza dell’Inter (fonte: www.inter.it)nci

Un altro elemento che si sta facendo amare a San Siro è Telles. L’ex Galatasaray è arrivato proprio nell’ultimo giorno di mercato dopo essere stato corteggiato da Psg e Real. Da quanto riferisce il suo agente, un ruolo importantissimo lo ha svolto Mancini. L’allenatore, ex Manchester City, è riuscito a convincere il ragazzo ad indossare i colori nerazzurri. Ecco le sue dichiarazioni a riguardo, rilasciate a fcinternews.it: “Il giocatore sta molto bene ha saltato le ultime due partite per motivi diversi. Dopo la gara di Palermo ha avuto un piccolo problema fisico, mentre l’esclusione contro la Roma è arrivata solo per una scelta tecnica da parte dell’allenatore. Alex, come detto, sta benissimo ed è molto felice all’Inter. È un onore per lui poter lavorare con Mancini e Sylvinho. Sta imparando tantissimo da entrambi. Con l’allenatore ha un ottimo rapporto, è stato lui a volerlo quando era al Grêmio. Deve ovviamente migliorare, come ad esempio dal punto di vista fisico, ma sta andando tutto bene. Contro il Torino può giocare, ma la decisione spetterà al tecnico

Per quanto riguarda il suo futuro all’Inter spiega: “Non possiamo ancora sapere quando sarà esercitato il riscatto. Quello che posso dire è che il riscatto ci sarà senza alcun dubbio, ma sui tempi non posso sbilanciarmi. In estate c’era stato l’interessamento del Psg, ma non solo. C’erano anche Real Madrid e Porto, ma il Galatasaray inizialmente non considerava la cessione in prestito. Poi è arrivata l’Inter e la presenza di Mancini ha fatto la differenza“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *