Juve-Inter 2-0, pagelle nerazzurre: Palacio urla ma nessuno lo ascolta, D’Ambrosio profondo rosso

Altra sconfitta per i neroazzurri che vedono il terzo posto ormai davvero lontano.

Palacio - Fonte: Inter F.C.
Palacio – Fonte: Inter F.C.lacio

A Torino termina 2-0, pesano gli errori di D’Ambrosio e Miranda.

Handanovic 6,5: si scalda subito con una gran parata su Hernanes che dimostra per l’ennesima volta il suo valore, poi poco da fare.

Murillo 5,5: nel primo tempo parte male, poi si rialza ma nel complesso non appare sicurissimo, la sufficienza non la raggiunge, pesano soprattutto gli errori iniziali.

Miranda 5,5: tutto molto bene fino all’errore del rigore, giusto o meno, il fallo è ingenuo, la sua partita era stata molto buona, ma l’errore che porta al raddoppio bianconero allontana la sufficienza.

Juan Jesus 6: l’unico difensore sufficiente, la grinta non manca, lotta e si impegna, non sempre perfetto ma nel complesso è positivo.

D’Ambrosio 5: l’errore che porta al vantaggio bianconero è clamoroso, assist al bacio per l’avversario che piega le gambe anche ai compagni, oggi è difficile commentarlo.

Medel 6: cerca di rompere quanto può il gioco della Juve, fa leva sulla grinta e il primo tempo riesce a reggere, si vede poco ma il suo non manca, esce a inizio secondo tempo per infortunio.   (56’ Ljajijc 5,5)

Kondogbia 5,5: anche oggi non fa la differenza, a centrocampo non incide, spesso si ingarbuglia da solo, poco d’aiuto e poco preciso, l’attesa ormai è esagerata.

Melo 5,5: errori sciocchi per tutta la partita, il brasiliano non è nella condizione migliore, fa ripartire la Juve troppe volte e nemmeno la grinta lo aiuta, rimandato anche lui.

Telles 6: sufficiente la partita del brasiliano che, soprattutto nel primo tempo è tra i pochi attivi dei neroazzurri, nel secondo tempo va calando ma resta sufficiente, le idee non mancano, non sempre sono però perfette.  (73’ Perisic 6)

Palacio 6,5: il migliore insieme ad Handanovic, lottatore, l’unico a crederci fino alla fine, non sbaglia, ci crede e prova fino all’ultimo a incidere, ne servirebbero molti altri come lui, voce nel deserto che nessuno sente.

Icardi 5: il capitano oggi non si vede proprio, lontano e distante non ha e non cerca palloni, il risultato è una partita sterile, in momenti come questi dovrebbe fare molto di più. (87’ Eder sv)

Mancini 5,5: giocare a specchio non è servito a nulla, alcune scelte restano discutibili come l’incapacità di aver sistemato la fase offensiva, poi sul fatto che i suoi decidono di regalare la partita, di colpe non ne ha ma ci si aspetta molto di più da un allenatore così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *