Serie A, parla Pirlo: “Pogba il giovane più forte. Verratti? Può giocare 20anni in nazionale”

Andrea Pirlo affida alla Gazzetta dello Sport le sue riflessioni sul calcio di oggi.

Pirlo - Fonte: Oye Creations (flickr.com)
Pirlo – Fonte: Oye Creations (flickr.com)

 

Pirlo inizia dalle differenze tra il calcio di ieri e quello di oggi: “Tantissime. Una volta, in prima squadra, avevi paura a parlare e stavi in un angolo. Era una dittatura degli anziani. Ti presentavi con l’orecchino, te lo toglievano. Ti facevi crescere i capelli, te li tagliavano. Adesso un ragazzo viene a fare un allenamento con la prima squadra e pensa di essere arrivato. La cosa più importante è mettersi lì a fare le foto”.

Pirlo si concentra poi sui giovani calciatori:Il giovane più forte che ho visto? Pogba, sì: è il più forte tra i giovani che ho visto. Dal primo allenamento abbiamo capito: “Questo è forte”. Era magrino ma le gambe arrivavano ovunque. Ora è più grosso, potente: si è anche irrobustito. Giovani professionali? Certo che ci sono. Rugani, ad esempio. Anche Bernardeschi mi sembra un ragazzo serio, ma lo conosco meno.Si dice che in Italia i ragazzi non giocano ma guardate Donnarumma: chi è più bravo, ha spazio. Italia 2020? Complicato. Però potrebbero esserci lui (Rugani, ndr), Romagnoli, Berardi, Bernardeschi, De Sciglio, Verratti”.

Il discorso passa poi sui possibili eredi: “Cataldi no, è diverso da me, è più incursore. Verratti non mi somiglia, però è il calciatore che può giocare per vent’anni in Nazionale. Contro di noi, nel 2014, Mandragora giocò bene. Di Sensi mi parlano bene, ma ovviamente conosco meglio Sturaro. Nella scorsa stagione è migliorato tanto, anche se ora gioca meno.. Mi piace Dioussé dell’Empoli. Per fare il centrocampista centrale devi avere personalità”. 

Per finire, discorso sul futuro: “Io allenatore? Non ci ho pensato. Ho due anni di contratto, voglio giocare”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *