Inghilterra, League 2: vietato lo scambio di maglie con i giocatori di Premier League? Rimborsa lo sponsor

Il calcio inglese è  l’unico al mondo in grado di regalare un pò di magia, quel fascino delle cenerentole delle serie più basse della Federazione che nei due tornei stagionali (Coppa di Lega e FA Cup) provano a fare la parte dei Davide contro i Golia della Premier League. Il miracolo avviene raramente, ma comunque per i giocatori dei piccoli club c’è l’emozione di confrontarsi con colleghi che sono arrivati nel calcio che conta in uno stadio importante. E se ci fosse qualcuno che prova a rovinare pure questo?

 

Fonte immagine: stephoto27 (Flickr)
Fonte immagine: stephoto27 (Flickr)

Ci hanno provato alcuni club della League 2, campionato inglese allo stesso livello della nostra Seconda Divisione di Lega Pro. Date le ristrette risorse economiche, hanno proibito ai loro calciatori di scambiare le maglie con gli avversari che militano nella massima divisione, non permettendogli di consumare un rito ormai consolidato negli anni.
A risolvere la situazione ci ha pensato la Capital One. La società bancaria americana, che dà anche il nome alla competizione, ha annunciato che coprirà il costo di ogni maglia scambiata dai giocatori di League 2 con quelli di Premier League. Per ora sono quattro i club che hanno aderito all’iniziativa: il Burton Albion (che affronterà il Fulham), il Morecambe (Newcastle United), il Bury (Norwich City) e il Newport County (West Bromwich Albion).
Stewart Day, presidente del Bury, ha detto: “Siamo veramente grati alla Capital One per il loro supporto. E’ sempre una serata speciale per il nostro club affrontare una squadra di Premier League, e l’incontro di Capital One Cup contro il Norwich City dà alla nostra squadra la possibilità di mettersi alla prova contro alcuni giocatori di altissimo livello. E’ fantastico che avranno l’opportunità di scambiare le magliette e prendere un ricordo di quella che spero sarà una notte memorabile nella storia del club”.

 

Che sia per pubblicità o semplice benevolenza, il gesto della Capital One è da apprezzare. Mentre per vedere se quest’anno ci sarà qualche Davide che abbatterà il suo Golia dovremo attendere settimana prossima, con le sfide del secondo turno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy