Real Madrid-PSG 3-1, le pagelle dei blancos: Marcelo devastante, Ronaldo cecchino

Le pagelle del Real Madrid che ha battuto per 3-1 al Santiago Bernabeu il Paris Saint-Germain nell’andata degli ottavi di finale di Champions League, grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo (un goal su rigore) e alla singola di Marcelo.

Cristiano Ronaldo. Fonte: Dudek1337 (wikipedia.org)
Cristiano Ronaldo (fonte: Dudek1337, wikipedia.org)

K.Navas 6: poteva fare qualcosa in più sul goal di Rabiot, si riscatta nella ripresa con una gran parata su diagonale di Mbappé.

Nacho Fernandez 5: l’anello debole della difesa madrilena. Non ha il passo del terzino, soffre terribilmente la velocità di Neymar in fase difensiva, spinge male in quella offensiva.

Sergio Ramos 6,5: stoppa Kimpembe a botta sicura nella ripresa sul punteggio di 1-1. Solito muro invalicabile, cuore di capitano e gladiatore del Real Madrid.

Varane 6,5: limita fortemente Cavani, bravo anche in fase di impostazione. Sempre attento e preciso.

Marcelo 7,5: un vero e proprio treno, a tratti imprendibile. Ingaggia un duello rusticano con l’amico Dani Alves, offre a Cristiano Ronaldo un cioccolatino sciupato dal portoghese con una lancio millimetrico da fascia a fascia. Nel finale trova anche il goal del 3-1 su assist di Asensio. Devastante.

Modric 6: meno preciso e pulito rispetto a tante altre occasioni, ma comunque fa valere il suo maggiore tasso tecnico rispetto agli avversari in maglia PSG.

Casemiro 6: si limita al compitino, impedendo al PSG di sfondare centralmente, con il solito acume tattico e la classica grinta (dal 79′ Lucas Vazquez 6: entra nel finale con il giusto piglio, dando ai suoi una buona mano per vincere la gara).

Kroos 6: come Modric non è il solito, ma compensa con classe e soprattutto esperienza. Si conquista il rigore dell’1-1 con furbizia e un grosso aiuto da parte del direttore di gara.

Isco 6: si accende a tratti, ma quando lo fa è una gioia per gli occhi. Forse ricama troppo con la palla fra i piedi, ma è prezioso anche in fase di ripiego (dal 79′ Asensio 6,5: entra e sforna due assist per i goal di Ronaldo e Marcelo. Cosa chiedergli di più?).

Benzema 5: tanto movimento, ma scarsa incisività sotto porta. Unico acuto un sinistro dal limite neutralizzato in corner da Areola (dal 68′ Bale 6: entra dalla panchina, dando più vivacità e freschezza all’attacco del Real Madrid).

Cristiano Ronaldo 7,5: nel primo tempo si divora un goal incredibile su assist al bacio di Marcelo, centrando Areola in pieno volto. Segna con freddezza il penalty del pareggio, nella ripresa timbra la doppietta con un goal da rapace d’area di rigore. Tocca quota 117 centri in Champions League, di cui 101 con la maglia del Real Madrid. Cecchino implacabile.

Allenatore Zinedine Zidane 7: sceglie di lasciare in panchina Bale per Isco, con il solo Nacho (Carvajal è infortunato) “intruso” fra i suoi “titolarissimi”. Ha il grande merito di cambiare prima impostazione tattica in corsa e poi il volto della partita grazie agli ingressi dalla panchina, con Bale, Asensio (soprattutto) e Vazquez decisivi nel finale. Vince nettamente il duello a distanza con il collega Emery.

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.