Europa League, Fiorentina show: battuta 4-0 la Belenenses

Tutto facile, tutto secondo copione. La Fiorentina, dopo la sconfitta alla prima giornata contro il Basilea, trova il riscatto in Europa League nel secondo turno battendo con un secco 4-0 la Belenenses all’Estadio Do Restelo di Lisbona in un match sempre a senso unico.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

Turnover vincente per Paulo Sousa che in campo a Lisbona manda una Fiorentina a trazione anteriore: in campo un 3-5-2 con Rossi e Babacar punte centrali ma con due esterni offensivi come Rebic e Bernardeschi che formano quasi un inusuale 3-3-4. Nella Belenenses, invece, Sa Pinto con tutta la rosa a disposizione manda in campo un 4-1-4-1 con Sturgeon e Kuca esterni alti e Leal unica punta.

Sin dai primi minuti la partita è a senso unico: la Fiorentina tiene in mano il pallino del gioco contro un Belenenses troppo timido in campo e che subisce la manovra della viola sempre in forte pressing sul possesso palla dei padroni di casa. Il primo squillo dell’incontro arriva dopo 12 minuti con Rebic ma il suo tiro viene deviato in calcio d’angolo. La Belenenses prova a farsi vedere dalle parti di Sepe con Leal e Kuka ma al 18° minuto la Fiorentina passa in vantaggio con Bernardeschi bravo a respingere in rete la corta respinta di Ventura sul tiro di Vecino.

Acquisito il vantaggio, la squadra di Paulo Sousa entra in gestione gara gestendo il possesso palla ed abbassando i ritmi di un incontro che non offre tanti spunti se non quelli dei gigliati. A 10 minuti dalla fine del primo tempo occasione per il raddoppio per la viola quando, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, l’esterno della Belenenses Kuka anticipa tutti di testa toccando la traversa e sfiorando l’autogol. Il 2-0 della Fiorentina, però, arriva in pieno recupero con Kouma Babacar che dal limite dell’area lascia partire un mancino che, complice la deviazione della difesa Azuis spiazza il portiere Ventura.

Nella ripresa la Belenenses prova una timida reazione ma la superiorità della Fiorentina è evidente e la squadra di Paulo Sousa riesce a gestire il doppio vantaggio dando spazio negli ultimi 20 minuti a Badelj, Verdù e Blaszczykowski: proprio dai piedi del polacco nasce il goal del 3-0 con l’autogol di Tonel che sul cross dalla destra del centrocampista della viola devia il pallone nella propria rete spiazzando un Ventura poco reattivo. Il gol del tris spegne i riflettori sulla gara ma al novantesimo minuto c’è tempo anche per il poker con Pepito Rossi che, lanciato in velocità da Badelj, spiazza il portiere degli Azuis chiudendo il festival del gol viola.

Con questa vittoria, la Fiorentina conquista i primi tre punti dell’avventura Europea e trova il riscatto dopo la sconfitta contro il Basilea; per la Belenenses, invece, partita incolore che ferma gli Azuis, ultimi  nel girone con un punto insieme al Lech Poznan.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *